Spotify è oggi uno dei servizi più utili per ascoltare la propria musica preferita. Con il pagamento di una piccola somma mensile, questo permette l’accesso ad una sconfinata libreria di brani, con la possibilità di accedere praticamente da qualsiasi dispositivo si possieda. A chi lo utilizza frequentemente, potrà dunque interessare sapere come condividere Spotify, sia che si tratti di dividere il proprio abbonamento con un amico, o che sia per far sapere ai propri contatti “social” quali brani si è soliti ascoltare.

Nella seguente guida si vedranno i principali metodi di condivisione di Spotify, e verrà inoltre spiegato come ricavare l’apposito link di condivisione per condividere la propria playlist o un brano a cui si è affezionati direttamente su Instagram, Facebook, o in qualsiasi altra chat o sito si voglia.

Come condividere Spotify Family

Come condividere Spotify

È possibile risparmiare molti soldi sottoscrivendo un abbonamento a Spotify Premium for Family, il piano tariffario del servizio pensato appositamente per la condivisione familiare. Vedremo ora come usufruire di questo particolare abbonamento e come poter organizzare la condivisione di un abbonamento con altre persone.

Abbonarsi a Spotify Premium for Family

Spotify Premium for Family permette, al costo fisso di 14.99€/mese, di avere l’accesso a Spotify Premium condiviso tra più utenti, fino a 6 in totale (5 membri della famiglia, a cui aggiungere il titolare dell’abbonamento), ciascuno dei quali dispone delle proprie preferenze, delle proprie playlist e così via. L’unica condizione per utilizzare Spotify Premium for Family è che tutti i membri della “famiglia” facciano parte dello stesso nucleo domestico, “vincolo” imprescindibile per un corretto utilizzo del servizio (contravvenire a questa regola può comportare la sospensione del servizio, in qualsiasi momento e senza preavviso).

Per poter sottoscrivere questo tipo d’abbonamento, occorre collegarsi al sito di Spotify Premium for Family, premere sul pulsante Inizia collocato al centro della schermata ed effettuare l’accesso utilizzando i dati del proprio account Spotify già esistente, oppure cliccando sul pulsante Accedi con Facebook, laddove si fosse solito accedere al servizio tramite il famoso social network. Se lo si desidera, in alternativa, è possibile creare un nuovo account cliccando sulla voce Iscriviti e compilando il modulo proposto con le informazioni necessarie (indirizzo email, password, nome, cognome e data di nascita).

Una volta effettuato l’accesso al servizio, si verrà automaticamente condotti nella schermata relativa al metodo di pagamento scelto: se necessario, indicare quello che si preferisce, scegliendo tra carta di credito (si dovrà specificare i dati della carta) o PayPal (si dovrà accedere al portale e autorizzare il pagamento) o, in alternativa, scegliere di pagare tramite le modalità attualmente in uso nel proprio precedente piano.

Una volta terminato, cliccare sul pulsante Avvia il mio Premium For Family: ora si è il gestore dell’abbonamento, l’unico autorizzato al pagamento dello stesso e all’aggiunta (o eliminazione) dei membri della famiglia.

Condividere Spotify Premium for Family

Come condividere Spotify

Una volta completata l’attivazione dell’abbonamento, è possibile iniziare immediatamente la procedura di condivisione con i membri della propria famiglia: per far ciò, ciascuno di essi deve disporre a sua volta di un account Spotify, anche gratuito (che verrà automaticamente convertito in Premium subito dopo l’aggiunta).

Per procedere con la condivisione, accedere alla pagina di gestione del proprio account Spotify, eseguire l’accesso (se necessario) e cliccare sulla voce Premium for Family collocata nella parte sinistra della finestra: se è la prima volta che si entra in questa sezione, verrà chiesto di indicare alcuni dati personali, tra cui l’indirizzo di residenza. È bene prestare molta attenzione a quest’ultimo, poiché esso dev’essere uguale per tutti i membri della famiglia che si appresta a condividere l’abbonamento. Una volta finito, cliccare sul pulsante Invia per confermare il tutto.

A questo punto, cliccare sul pulsante Spedisci invito visualizzato nella pagina Account, poi su Accetto e compilare il modulo proposto successivamente con le informazioni sul membro che si intende invitare (nome, cognome e indirizzo email): per inviare l’invito, premere infine sul bottone Spedisci invito.

Come già anticipato, l’abbonamento Spotify Premium for Family può essere condiviso solo con i familiari o con i coinquilini (il requisito è dunque che abitino sotto lo stesso tetto): se si desidera gestire in maniera più organizzata la propria condivisione, è possibile utilizzare Together Price.

Questo servizio permette di condividere alcuni abbonamenti con altri utenti (familiari o amici, quando previsto dai termini d’uso dei servizi da condividere), oltre che di tenere la contabilità dei costi d’abbonamento condivisi: ad esempio, volendo condividere Spotify Family con altre 2 persone, è sufficiente dividere la quota d’abbonamento mensile per 3, così da ottenere un costo unitario di circa 5€ per ogni persona. Il sito permette di pagare l’abbonamento a Spotify non appena tutti i partecipanti alla condivisione pagheranno la loro quota, così da evitare mancati pagamenti.

Se si è interessati all’argomento, si invita a leggere con molta attenzione la guida su Together Price, in cui si spiega sia come partecipare alle condivisioni degli altri utenti, sia come agire per condividere un proprio abbonamento.

Come condividere musica su Spotify

Se invece si è interessati a sapere come condividere la propria musica attraverso Spotify, vedremo ora come condividere le playlist o la musica ascoltata sul servizio, utilizzando sia il programma “desktop” per Windows/macOS, che le app per Android e iOS.

Per prima cosa è bene, qualora non fosse ancora stato fatto, installare il programma o l’app di proprio interesse sul dispositivo su cui lo si usa maggiormente.

Condividere playlist Spotify

Come condividere Spotify

Una volta eseguita l’installazione, per condividere una playlist da Spotify per Windows o per macOS, occorre avviare il programma come di consueto, effettuare l’accesso al proprio account, se necessario, e cliccare sulla sezione Playlist collocata a sinistra. A questo punto, identificare la playlist che si intende condividere, fare clic sul bottone (⋮) a essa corrispondente e cliccare sulla voce Condividi collocata nel menu visualizzato.

Successivamente, indicare dove condividere la playlist scelta, selezionando una delle opzioni disponibili: è possibile scegliere di condividerla all’interno di un programma installato nel computer (se disponibile) o se effettuare la condivisione all’interno di un social network. In quest’ultimo caso, dovrebbe immediatamente aprirsi una finestra del browser sull’area di condivisione del social scelto: per concludere, non occorre far altro che digitare un messaggio, se lo si desidera, e cliccare sul pulsante di pubblicazione visualizzato a schermo.

Se, invece, si utilizza Spotify da smarthone o da tablet (le app per Android e iOS sono praticamente identiche), occorre innanzitutto avviare la relativa app, effettuare l’accesso, se necessario, per poi premere sul pulsante La mia libreria collocato in basso a destra.

Fatto ciò, aprire la voce Playlist, toccare la playlist da condividere e premere sul pulsante (⋮) collocato in alto a destra. Per concludere, selezionare la voce Condividi dalla schermata successiva e selezionare la destinazione della propria condivisione (può essere un’altra app installata nel sistema o uno dei social supportati da Spotify).

Condividere link Spotify

Nel caso si volesse ricavare il link di una playlist, di un album o di una canzone in particolare, per poi incollarlo manualmente dove più si desidera, per farlo basta eseguire una procedura molto simile a quella mostrata poco fa: individuata la playlist, il brano o l’album di proprio interesse, premere sul pulsante (⋮) a esso corrispondente e selezionare le voci Condividi > Copia link [contenuto] dal menu che si apre.

In tal modo, il collegamento al contenuto musicale scelto verrà salvato negli appunti del sistema operativo (smartphone o tablet che sia), pronto per essere incollato in una chat, in una finestra di condivisione, sui social, in un’app o ovunque lo si desidera.

Gli utenti che riceveranno il link potranno riprodurlo semplicemente cliccandovi sopra, tramite un player “incorporato” nel browser (o, in alcuni casi, nell’app), indipendentemente dal fatto che siano iscritti o meno a Spotify.

Come condividere canzoni da Spotify

Per condividere le proprie canzoni preferite nelle Instagram Stories o su Facebook è possibile portare a termine quest’operazione in modo estremamente semplice e senza dover scomodare procedure lunghe e macchinose.

Condividere Spotify su Instagram Stories

Come condividere Spotify

Per condividere una canzone di Spotify nelle storie di Instagram, avviare innanzitutto l’app di Spotify, identificare il contenuto che si intende condividere (un brano, un intero album o, come visto in precedenza, una playlist), fare clic sul pulsante (⋮) a esso corrispondente, scegliere la voce Condividi dalla schermata che si apre e selezionare la voce Storie di Instagram dal pannello successivo (su alcuni smartphone Android, si potrebbe dover premere sul pulsante Altro per visualizzare tutte le app disponibili per la condivisione).

A questo punto, non occorre far altro che procedere con la pubblicazione della propria storia, agendo come si farebbe di consueto. Sfortunatamente non è possibile effettuare questo tipo di condivisione da Spotify per computer.

Condividere Spotify su Facebook

La condivisione di un contenuto di Spotify su Facebook è del tutto simile a quella già vista per le Storie di Instagram: individuata la playlist, il brano o l’album di proprio interesse, premere sul pulsante (⋮) posto in sua corrispondenza, scegliere la voce Condividi dal menu (o dal pannello) che si apre a schermo, quindi fare clic sull’opzione Facebook presente tra le scelte disponibili.

Se tutto ha funzionato a dovere, si dovrebbe veder comparire la schermata dell’app installata sul proprio dispositivo (se si agisce da smartphone o tablet) o una finestra del browser (se si agisce dal computer, o se sul dispositivo mobile non  è installata l’app di Facebook).