Backup Android |

0
20
Backup Android |


Ti piacerebbe creare delle copie di sicurezza per tutti i dati che sono presenti sul tuo dispositivo Android? Nessun problema, puoi optare per varie soluzioni, tutte molto valide. Ad esempio puoi effettuare il backup dai tuoi dati e sincronizzarli su tutti i device grazie alla piattaforma cloud di Google, puoi utilizzare delle app di terze parti tramite le quali conservare una copia di dati e app in locale e/o su Internet o puoi collegare il tuo smartphone/tablet al computer e copiare su quest’ultimo tutti i dati di tuo interesse.

Contrariamente a quanto tu possa pensare, effettuare il backup su Android non è affatto complicato: devi semplicemente individuare la soluzione che fa maggiormente al caso tuo e poi adoperarla al meglio. In che modo? Continua a leggere e lo scoprirai! Anche se, da quel che ho capito, non hai molta dimestichezza con il mondo tech (ne tantomeno con il “robottino verde”), non hai alcun motivo di preoccuparti, perché ti guiderò passo-passo nella procedura che sei chiamato a compiere quest’oggi.

Allora, sei pronto per iniziare? Sì? Fantastico! Tanto per cominciare, mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo necessario per concentrarti sulla lettura delle prossime righe e, cosa ancora più importante, attua le “dritte” che ti darò. Se lo farai, non avrai il benché minimo problema nel mettere in sicurezza i dati presenti sul tuo dispositivo Android creando delle copie di backup. Buona lettura!

Indice

Fare backup Android su Google

La prima soluzione che ti consiglio di provare è quella di fare il backup di Android sulla piattaforma cloud di Google. Tramite Google, infatti, è possibile creare in automatico delle copie di backup sul cloud di foto, video, contatti, e molti altri dati presenti sul proprio device: scopriamo, insieme, come procedere per utilizzare al meglio questa comodissima soluzione.

Per prima cosa, apri l’app Impostazioni (l’icona con gli ingranaggi presente nella schermata Home), pigia sulla voce Account/Account e sincronizzazione e fai tap sul logo di Google. Nella schermata che si apre, poi, seleziona il tuo indirizzo email e assicurati che le opzioni relative alla sincronizzazione di DocumentiCalendario, Rubrica/Contatti, etc. siano spostate su ON. Qualora così non fosse, provvedi ad attivarle tu stesso.

Se sul tuo device non risulta impostato ancora alcun account Google, recati nel menu Impostazioni > Account, seleziona la voce Aggiungi account e configura un nuovo account selezionando il logo di Google e seguendo le indicazioni su schermo: ti ho spiegato più in dettaglio come fare nel mio tutorial su come associare Android a Google.

Ora, recati nel menu Backup e ripristino presente nelle Impostazioni di Android e accertati che le opzioni Backup dei miei dati e Ripristino automatico siano attive e che il tuo indirizzo Gmail sia impostato come account di backup (in caso contrario, provvedi tu ad attivare le impostazioni in questione).

Per concludere, apri l’applicazione Google Foto, pigia sul pulsante (≡) che si trova in alto a sinistra e seleziona la voce Impostazioni dal menu che compare lateralmente (la terzultima opzione presente in elenco). Nella schermata che si apre, pigia sulla voce Backup e sincronizzazione, sposta su ON la levetta dell’interruttore situata in corrispondenza della voce Backup e sincronizzazione (se necessario) e imposta l’opzione Dimensioni caricamento su Alta qualità, così da non consumare lo spazio di archiviazione disponibile su Google Drive (tieni conto, comunque, che le foto avranno una risoluzione massima di 16MP e i video una risoluzione massima di 1080p).

Missione compiuta! Dopo aver abilitato le opzioni in questione, tutti i dati che hai deciso di archiviare su Google potranno essere ripristinati automaticamente su qualsiasi dispositivo associato al tuo account Google.

App per fare backup Android

Come ti accennavo in apertura del post, su Android è possibile fare il backup utilizzando anche delle app di terze parti, da scaricare direttamente dal Play Store e che possono essere utili per creare delle copie di sicurezza dei dati in locale.

Prima di vederne un paio più da vicino, ti rammento che le applicazioni di cui sto per parlarti permettono di salvare i dati sulla memoria interna del proprio device, su una scheda microSD o su un servizio di cloud storage: ciò significa che, se decidi di salvare i dati in locale (e non sulla SD o sul cloud), dopo aver effettuato il backup dovrai collegare lo smartphone o il tablet al computer e trasferirvi tutti i dati salvati dalle app per evitare di perderli a seguito di un reset del dispositivo stesso. Intesi?

Titanium Backup

Una delle migliori app per fare backup su Android, se non la migliore di tutte, è Titanium Backup.  Questo applicativo permette di creare copie di backup di tutti i dati presenti sul proprio device: da quelli riguardanti le app installate, passando per quelle di sistema. Prima di illustrarti il suo funzionamento, è bene fare un paio di precisazioni: l’app funziona soltanto sui dispositivi sbloccati tramite root e, oltre a ciò, la versione free dell’app non supporta i servizi di cloud storage e la cifratura dei backup, cosa che avviene invece nella sua versione a pagamento, che costa 5,99 euro.

Dopo aver installato e avviato Titanium Backup, pigia sul pulsante raffigurante il foglio e il segno di spunta accanto posto nell’angolo in alto a destra dello schermo e seleziona l’opzione Backup di tutte le app utente + dati sistema dalla schermata che si apre, pigiando sul bottone Avvia situato vicino.

Assicurati, poi, che siano selezionate tutte le applicazioni che vuoi includere nel backup, pigia sul simbolo (✓) collocato in alto a destra per eseguire il salvataggio dei dati e seleziona il percorso su cui salvarli recandoti in Menu > Preferenze > Percorso cartella di backup.

Quando avrai bisogno di effettuare il ripristino dei dati di backup, dovrai pigiare nuovamente sul pulsante raffigurante il foglio e il segno di spunta accanto situato in alto a destra, scegliere una delle opzioni disponibili (es. Ripristina tutti i dati di sistema) e il gioco sarà fatto.

Helium – App Sync and Backup

Un’altra soluzione che ti consiglio di provare per fare backup su Android è Helium, un applicativo gratuito che funziona su tutti i dispositivi (rootati e non), che permette di creare copie di backup delle applicazioni in modo facile e veloce. Ti anticipo già che, per utilizzare Helium su un dispositivo non sottoposto al root, è necessario installare anche la sua estensione per Chrome o il suo client ufficiale, requisito non necessario sui device “sbloccati”.

Prima di illustrarti nel dettaglio il suo funzionamento, ti ricordo anche che Helium è disponibile sia in una versione free (che consente il salvataggio e il ripristino delle applicazioni sul proprio dispositivo), che in una versione a pagamento (che costa 3,71 euro), con la quale è possibile passare le app da un device all’altro e ripristinare i backup creati sul cloud.

Dopo aver installato Helium sul tuo dispositivo Android e aver installato la sua estensione ufficiale per Chrome sul tuo computer, collega il tuo device al PC e attiva il debug USB: sul dispositivo recati in Impostazioni > Info sul telefono> Informazioni sul software e pigia sulla dicitura Numero build per sette volte di seguito; dopodiché recati in Impostazioni > Sistema > Opzioni dello sviluppatore e sposta su ON la levetta dell’interruttore posto in corrispondenza della dicitura Debug USB.

A questo punto, avvia l’app di Helium sul tuo smartphone/tablet e la sua estensione per Chrome, rispondi sempre su OK agli avvisi che ti vengono mostrati a schermo sul dispositivo portatile e attendi che sul PC compaia il simbolo (✓). Qualora dovessi riscontrare dei problemi, prova a scaricare uno dei driver presenti su questo link e, anziché utilizzare l’estensione per Chrome, scarica il client da questa pagina.

Dopo che avrai visualizzato il simbolo (✓), scollega il dispositivo dal PC, seleziona le app che hai intenzione di “backuppare”, premi sul bottone Backup e scegli la modalità in cui salvare i dati (es. Memoria internaBackup programmato o Aggiungi account di un servizio di Cloud Storage). Quando vorrai ripristinare le app e tutti i dati a esse collegati, dovrai selezionare la scheda Ripristino e sincronizzazione di Helium e selezionare le applicazioni da ripristinare. Semplice, vero?

Easy Backup & Restore

Anziché effettuare il backup delle app, desideri creare una copia di sicurezza di dati, come i contatti salvati in rubrica, gli eventi del calendario, i messaggi e quant’altro? In tal caso, Easy Backup & Restore è la soluzione che può fare al caso tuo. Easy Backup & Restore, come facilmente intuibile dal suo nome, permette di creare copie di backup dei dati presenti sul proprio dispositivo Android — contatti, SMS, registro chiamate, etc. — in modo piuttosto facile e veloce. Funziona senza root ma, nel momento in cui scrivo, la sua interfaccia è in inglese.

Dopo aver installato e avviato Easy Backup & Restore sul tuo smartphone, pigia su uno dei pulsanti che vedi a schermo per effettuare il backup degli SMS, dei contatti, del registro chiamate e così via (es. Contacts Backup, Call Logs Backup, etc.). Nella schermata che si apre, pigia poi sul bottone Backup, assegna un nome al backup che stai per effettuare e pigia su OK. Dopodiché apri il File Manager del tuo device, recati nella posizione in cui hai salvato il backup (es. /storage/sdcard/MyBackups/contacts) e spostalo sulla scheda SD, così da mettere al sicuro i dati salvati (se trovi difficoltà nel compiere questa operazione, leggi la guida in cui spiego come procedere).

Per ripristinare i dati di cui hai eseguito il backup, poi, dovrai recarti di nuovo nella schermata principale dell’app, pigiare sul pulsante corrispondente alla tipologia di file salvati (es. Contacts Backup) e premere sul bottone Restore per selezionare i dati da ripristinare e la “fonte” dal quale prelevare il backup (es. SD Card).

Come dici? Hai intenzione di fare il backup soltanto di alcuni dati? In tal caso, per fare il backup degli SMS puoi provare l’ottima SMS Backup & Restore di cui ti ho già ampiamente parlato nell’approfondimento su come salvare SMS Android, mentre se vuoi fare il backup dei soli contatti salvati in rubrica, puoi seguire le indicazioni che ti ho fornito in quest’altra guida.

Recovery personalizzata (Nandroid)

Il tuo dispositivo è stato sottoposto al root? In tal caso, ti ricordo che puoi eseguire un backup ricorrendo a Nandroid, una particolare procedura che consente di creare un’immagine della memoria dello smartphone sul dispositivo stesso o su un sopporto esterno (come una scheda SD) e ripristinarla quando necessario.

Per effettuare tale procedura, dopo aver installato un Recovery personalizzata, bisogna richiamare la funzione di Backup dal menu principale della recovery (al quale è possibile accedere pigiando contemporaneamente i tasti Power+Volume –), scegliere le varie opzioni proposte nella schermata che viene aperta (es. SystemDataCache, PDS, etc.) e poi scorrere il dito da sinistra verso destra sul pulsante Swipe to Back Up collocato nella parte inferiore della schermata.

Per ripristinare il backup, poi, bisognerà recarsi nel menu Restore della recovery, scegliere l’archivio che si vuole ripristinare ed effettuare ancora una volta uno swipe sul pulsante che si trova in basso.

Fare backup Android su PC

Un’altra soluzione che puoi prendere in considerazione è quella di fare il backup Android su PC. Ti consiglio di fare ciò soprattutto se stai contemplando la possibilità di creare copie di sicurezza relative ai contenuti multimediali  presenti sul tuo device, quindi foto, musica e video. Ti stai chiedendo come puoi fare ciò? Se vuoi effettuare un backup completo dei tuoi dati, il consiglio che ti do è quello di affidarti all’applicazione ufficiale messa a disposizione dal tuo produttore: di seguito trovi quelle più importanti.

  • Samsung SmartSwitch — questa applicazione, compatibile sia con Windows che con macOS, permette di fare il backup dei dispositivi Samsung in proprio possesso in modo facile e veloce. Per approfondirne il funzionamento, consulta i tutorial in cui spiego come collegare cellulare Samsung al PC e come collegare cellulare Samsung a Mac.
  • HiSuite — se hai un dispositivo Huawei a tua disposizione, puoi creare delle copie di sicurezza dei dati mediante l’apposita applicazione desktop messa a disposizione dal colosso cinese che, nel momento in cui scrivo, è disponibile soltanto per Windows. Per maggiori informazioni sul suo funzionamento, consulta la guida in cui spiego come collegare Huawei al computer.
  • LG Bridge — questo programma sviluppato da LG, permette di copiare sul proprio computer i dati del proprio dispositivo in modo piuttosto semplice e intuitivo. L’applicazione è disponibile al download sia su Windows che su macOS.
  • Sony Xperia Companion — l’applicazione ufficiale di Sony permette di eseguire e gestire facilmente le copie di backup dei propri dispositivi Android sia su Windows che su macOS.
  • Motorola Device Manager — chi possiede un dispositivo Android di Motorola, può effettuare il backup sul proprio computer mediante quest’applicazione disponibile sia per Windows che per macOS.

Se desideri avere maggiori informazioni sull’utilizzo di queste applicazioni fornite dai principali produttori di dispositivi Android, consulta la guida in cui mostro come collegare lo smartphone al PC : lì troverai delle “dritte” che ti saranno molto utili per adoperare al meglio questi programmi.

Se, invece, vuoi trasferire i file di backup sul PC “manualmente”, puoi adoperare altre soluzioni. Nella fattispecie, puoi trasferire i file semplicemente collegando il tuo dispositivo al computer e adoperare l’Esplora File di Windows oppure l’applicazione Android File Transfer per macOS. Per maggiori informazioni a tal riguardo, dai un’occhiata al tutorial in cui spiego come trasferire file da Android al computer. Sono sicuro che anche questa ulteriore lettura ti sarà molto utile.



Fonte e proprietario dell’articolo Aranzulla.it

Tutti i testi, i marchi, loghi, sigle, brand, le immagini e Trade Mark riportati nel sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari. L’utilizzo delle immagini segue le norme del fair use, per qualsiasi problema vi preghiamo di contattarci e verranno rimosse.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica.